Statuto sociale

Estratto dello STATUTO SOCIALE della
UNIONE NAZIONALE AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI PROFESSIONISTI

Art. 1 – Costituzione, denominazione e sede
E’ costituita l’associazione professionale di categoria denominata “UNIONE NAZIONALE AMMINISTRATORI CONDOMINIALI E IMMOBILIARI PROFESSIONISTI”, siglabile “U.N.A.C.I.P.”, senza scopo di lucro, di seguito indicata con la dicitura “Associazione”.
L’Associazione ha sede in Torino e può istituire unità locali anche in altre località.
L’eventuale trasferimento della sede non comporta modifica dell’atto costitutivo.
L’Associazione può aderire ad altre organizzazioni associative od enti quando ciò torni utile al conseguimento dei fini sociali.
La durata dell’Associazione è illimitata.

Art. 2 – Scopi ed attività.

L’Associazione si prefigge i seguenti scopi:

  • sostenere, tutelare ed accrescere, nei modi e con i mezzi ritenuti più idonei, la professionalità ed il prestigio degli Amministratori di Condominio propri associati;
  • promuovere ed organizzare attività e servizi a favore degli aderenti per facilitare l’avviamento e l’esercizio della professione;
  • certificare le competenze tecnico-professionali degli aderenti;
  • promuovere ed organizzare attività dirette a migliorare ed accrescere la formazione e l’aggiornamento professionale degli associati;
  • esercitare e promuovere iniziative nell’interesse comune degli aderenti;
  • promuovere e favorire scambi di informazione di interesse comune tra i soci;
  • rappresentare gli associati nella stipula di accordi di settore di valenza nazionale, regionale o provinciale;
  • promuovere gli interessi degli associati presso le istituzioni nazionali.

Gli scopi sopraelencati potranno essere conseguiti, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, tramite le seguenti attività:

  • istituire un Albo, consultabile pubblicamente, nel quale iscrivere i soci ordinari, ed in quanto tali, come indicato al successivo art. 4, in possesso di comprovate competenze tecnico-professionali, e adottare un codice deontologico da correlare a tale Albo;
  • verificare periodicamente il mantenimento dei requisiti di iscrizione degli associati al predetto Albo, inclusa l’osservanza da parte degli stessi delle norme costituenti il codice deontologico adottato dall’Associazione;
  • organizzare e svolgere attività formative a favore degli associati e degli aspiranti tali;
  • organizzare incontri, dibattiti, seminari, corsi di studio ed altre manifestazioni attinenti le finalità istituzionali;
  • svolgere attività di consulenza a favore degli associati;
  • svolgere in genere tutte le attività che si riconoscono utili per il raggiungimento dei fini che l’associazione si propone ;
  • partecipare a gruppi di lavoro e/o di studio istituiti presso organizzazioni pubbliche e private;
  • qualsiasi altra attività utile ed idonea al raggiungimento dello scopo sociale, non in contrasto con la normativa vigente e con il presente statuto.

… omissis …

Art. 4 – Requisiti dei soci ordinari
L’iscrizione dei soci ordinari all’associazione é subordinata al possesso dei seguenti requisiti:

Persone fisiche:

  • aver raggiunto la maggiore età;
  • aver conseguito il diploma di scuola secondaria superiore;
  • svolgere l’attività di amministratore di condomini, e dimostrare di possedere idonee competenze tecnico professionali, oppure essere in possesso dell’attestato di idoneità rilasciato dall’Associazione al superamento di uno specifico esame di valutazione;
  • godere dei diritti civili e non aver riportato condanne per reati contro il patrimonio;
  • se già esercitanti la professione di amministratore di condominio, essere titolari di partita IVA oppure soci o lavoratori dipendenti di società o associazioni professionali che svolgono attività di amministrazione condominiale.

Società o associazioni professionali:

  • svolgere attività di amministrazione condominiale o immobiliare tramite soci o lavoratori dipendenti regolarmente iscritti all’Associazione;
  • assenza di condanne per reati contro il patrimonio a carico degli amministratori delle società o dei rappresentanti legali delle associazioni professionali.

Art. 5 – Ammissione dei soci

L’ammissione all’Associazione in qualità di socio è subordinata a specifica delibera del Consiglio Direttivo.
L’aspirante socio deve formulare istanza di ammissione in forma scritta (modalità non richiesta per i soci onorari).
Possono essere ammessi in qualità di soci ordinari esclusivamente coloro che all’atto della presentazione della domanda di ammissione siano in possesso dei requisiti di cui al precedente articolo.
A seguito della presentazione dell’istanza, l’aspirante socio dovrà presentare al Consiglio Direttivo tutti i documenti atti a comprovare il possesso dei requisiti di iscrizione, oltre agli ulteriori documenti da quest’ultimo eventualmente richiesti.
La partecipazione all’Associazione non è trasferibile, neppure per successione.
La qualità di associato risulta da apposito registro conservato a cura del Consiglio Direttivo.

Art. 6 – Quota associativa
A seguito dell’avvenuta ammissione il socio è tenuto a versare la quota associativa annuale.
La quota associativa è stabilita annualmente, in sede di redazione del bilancio preventivo annuale. La quota associativa relativa all’anno di costituzione dell’Associazione é stabilita dal Consiglio Direttivo.
Le somme eventualmente versate dai soci sostenitori ad integrazione della quota associativa saranno considerate elargizioni destinate alle finalità istituzionali dell’Associazione.
Non sono tenuti al pagamento della quota associativa i soci onorari.

Art. 7 – Diritti e doveri degli associati
Gli associati hanno diritto di:
a. partecipare alla vita associativa nei modi stabiliti dal presente Statuto e dagli eventuali regolamenti;
b. esercitare i propri diritti elettorali;
c. partecipare alle attività promosse dall’Associazione.
I soci ordinari sono obbligati a consentire la registrazione dei propri dati anagrafici nell’Albo di cui al precedente art. 2 comma 2 – consultabile pubblicamente.
I soci ordinari sono tenuti a mantenere costante il proprio aggiornamento professionale, attenendosi alle indicazioni fornite a tal fine dall’Associazione, e ad osservare scrupolosamente il codice deontologico correlato al succitato Albo.
L’Associazione può avvalersi delle prestazioni e dell’opera volontaria, personale e gratuita dei propri soci.
Gli associati devono operare nell’interesse esclusivo dell’Associazione, osservare le norme statutarie e regolamentari e partecipare alla vita associativa.
Per quanto al precedente comma 1 – lettera ‘b’ – ciascun associato ha diritto ad esprimere un voto.

… omissis …