Il conto corrente del condominio si apre anche senza autorizzazione dell’assemblea

Cassazione civ., sez. I, del 10 maggio 2012 n. 7162

Con il primo motivo, il Condominio di … lamenta violazione degli articoli 1130, 1131, 1388, 1393, 1398, 1708, 1711 c.c., e vizio di motivazione, circa il potere e la responsabilità dell’amministratore nell’apertura di un conto corrente e nella successiva apertura di una linea di credito da parte della Banca. Con il secondo, violazione dell’articolo 2697 c.c., articoli 106, 111 c.p.c., nonché omissione di motivazione, circa la manleva nei confronti del … e la sua condanna alla restituzione della somma di lire 46.068.012. I motivi vanno rigettati, in quanto infondati.
E’ da ritenere che, secondo, del resto, orientamenti diffusi… Continua a leggere

La gestione del condominio formato da più edifici: Cassazione del 26.07.2012 n. 13262

In presenza di più edifici gli schemi giuridici di gestione di queste strutture immobiliari possono essere due: il condominio unico (anche se complesso, ma sempre giuridicamente unico) o il supercondominio (che può essere descritto come una “federazione” di più condominii). Le differenze riguardano la gestione e ripartizione delle spese, la composizione dell’assemblea e la “competenza” della stessa sulle materie da discutere e deliberare.

Quando si parla di condominio si tende sempre ad immaginare un unico edificio (anche se formato d più scale), ma questa è solo una delle possibilità perchè, in realtà, la vita reale presenta situazioni molto più varie e molto più complesse.

Infatti, (considerando anche le tecniche di… Continua a leggere

Condominio: riforma al traguardo?

Ecco una sintesi delle principali novità introdotte dalla norma in discussione.

Amministratore del Condominio

  • Resterà in carica due anni
  • Dovrà essere in possesso di specifici requisiti (formazione e onorabilità)
  • Dovrà aver conseguito almeno il diploma di scuola superiore
  • Dovrà frequentare appositi corsi di formazione professionale
  • Dovrà stipulare una polizza assicurativa a tutela dai rischi derivanti dal proprio operato.

Quorum deliberativi

  • Per deliberare la realizzazione di determinati impianti tecnologici quali, ad esempio, gli impianti di videosorveglianza o gli impianti per la produzione di energia solare, sarà sufficiente la maggioranza degli intervenuti in assemblea che rappresentino almeno la metà dei millesimi.

Riscaldamento